hello

Locamente enamorados al cabo de tantos años de complicidad estéril, gozaban con el milagro de quererse tanto en la mesa como en la cama, y llegaron a ser tan felices, que todavía cuando eran dos ancianos agotados seguían retozando como conejitos peleándose como perros.

Da ”Cien años de soledad”. 
Non ti viene voglia e curiosità di vivere fino alla vecchiaia estrema per poterne fare esperienza come questi personaggi, come Gabo stesso?

Ciò che noi disprezziamo o temiamo, come la vecchiaia o i fallimenti, nel modo di pensare – e fare letteratura – sudamericano diventano fonte di bellezza e grazia. In Gabo e in Amado la vecchiaia e la povertà ricca di gioia, e dire povertà è già darne una lettura, perchè non è tale la semplicità e il poco avere materiale di Gabriella (“Gabriela, cravo e canela”).
Nel tango invece è tutto un celebrare di derrotas, fracasos, malasuerte, desencuentros… un’estetica della sfiga, che è quello che differenzia chi ha vissuto davvero da chi si è limitato a partecipare.

    /
Oggi in Italia si ricorda che è stata una lunga malattia, che anche Shakira è addolorata, ma dell’amicizia di Gabo con Fidel e dell’impegno politico come referente di tutta l’izquierda sudamericana… passiamo oltre.
Que viva Gabo.

Oggi in Italia si ricorda che è stata una lunga malattia, che anche Shakira è addolorata, ma dell’amicizia di Gabo con Fidel e dell’impegno politico come referente di tutta l’izquierda sudamericana… passiamo oltre.

Que viva Gabo.

    /
Questo lo disegnai mentre leggevo “L’amore ai tempi del colera”, cosa che avvenne in notti torride di qualche anno fà… Bellissima esperienza, mi sembrava di sudare dell’umidità del Rio Magdalena.
Quei due vecchietti… Odiai molto Fermina Daza, forse perchè ci vedevo dei tratti miei che detesto e da cui cerco di distogliere l’attenzione, mentre Márquez me li spiattellava davanti in tutta la loro bruttezza. Ma oserei dire che Florentino Ariza ha cambiato il mio modo di vedere gli uomini. O meglio di vedere le cose che hanno dentro.  Forse un po’ oggi addirittura le cerco.
So che a un certo punto della vita uno/a piglia una grande capata per l’America Latina. Ma a me è successo in tempi già tiepidi, lontani dell’esuberanza naïf dei 18-25 anni. A quell’età vedevo i Modena City Ramblers fare gli pseudo-irlandesi e abusare anche di Márquez, e mi veniva lo schifo. Per loro e per Márquez, perchè io amavo l’Irlanda, ma di un amore puro e talebano per l’Irlanda autentica. Il panzarottone emiliano cantava del Macondo Express…
A García Márquez io ci sono arrivata dopo che la capata con l’America Latina m’era venuta, verso i 28 anni (ma con Amado, e il Brasile)… A oggi non ho letto ancora “Cent’anni di solitudine”.Il primo libro suo che lessi fu “Memoria delle mie puttane tristi”. Era così diverso da quello a cui ero abituata che mi sembrò di aver ricevuto un ceffone, ma morbidissimo, e di essermi svegliata con occhi nuovi sul mondo. E anche in quel libro il protagonista è un vecchio di 90 anni. Ricordo l’effetto di leggere “il giro della Colombia in carrozzella”, la leggerezza con cui mi si sollevava il cuore.Ma anche la vecchia ruffiana che dice al vecchio, frequentatore di prostitute talmente brutto da non aver mai avuto una donna accanto, di non lasciarsi sfuggire l’amore. Perchè lui si innamora per la prima volta in vita sua a 90 anni, di una ragazza di 15, una puttana, e la vecchia gli dice: non perdere l’occasione di fare l’amore con una che ami. È diverso da tutte le altre volte.A me mi rivoltò completamente la cabeza.
Gabo (by gustomela)

Questo lo disegnai mentre leggevo “L’amore ai tempi del colera”, cosa che avvenne in notti torride di qualche anno fà… Bellissima esperienza, mi sembrava di sudare dell’umidità del Rio Magdalena.

Quei due vecchietti…
Odiai molto Fermina Daza, forse perchè ci vedevo dei tratti miei che detesto e da cui cerco di distogliere l’attenzione, mentre Márquez me li spiattellava davanti in tutta la loro bruttezza.
Ma oserei dire che Florentino Ariza ha cambiato il mio modo di vedere gli uomini. O meglio di vedere le cose che hanno dentro.
Forse un po’ oggi addirittura le cerco.

So che a un certo punto della vita uno/a piglia una grande capata per l’America Latina. Ma a me è successo in tempi già tiepidi, lontani dell’esuberanza naïf dei 18-25 anni. A quell’età vedevo i Modena City Ramblers fare gli pseudo-irlandesi e abusare anche di Márquez, e mi veniva lo schifo. Per loro e per Márquez, perchè io amavo l’Irlanda, ma di un amore puro e talebano per l’Irlanda autentica. Il panzarottone emiliano cantava del Macondo Express…

A García Márquez io ci sono arrivata dopo che la capata con l’America Latina m’era venuta, verso i 28 anni (ma con Amado, e il Brasile)…
A oggi non ho letto ancora “Cent’anni di solitudine”.
Il primo libro suo che lessi fu “Memoria delle mie puttane tristi”. Era così diverso da quello a cui ero abituata che mi sembrò di aver ricevuto un ceffone, ma morbidissimo, e di essermi svegliata con occhi nuovi sul mondo. 
E anche in quel libro il protagonista è un vecchio di 90 anni. Ricordo l’effetto di leggere “il giro della Colombia in carrozzella”, la leggerezza con cui mi si sollevava il cuore.
Ma anche la vecchia ruffiana che dice al vecchio, frequentatore di prostitute talmente brutto da non aver mai avuto una donna accanto, di non lasciarsi sfuggire l’amore. Perchè lui si innamora per la prima volta in vita sua a 90 anni, di una ragazza di 15, una puttana, e la vecchia gli dice: non perdere l’occasione di fare l’amore con una che ami. È diverso da tutte le altre volte.
A me mi rivoltò completamente la cabeza.

Gabo (by gustomela)

    /

suitupweird:

Inspiration | Women In Menswear | Wear It Weird

Mi è venuto il cruccio di non saper portare un abbinamento come quello della ragazza con le Adidas. L’ultima con le Converse è ok, ce la faccio, ma siamo già nel pieno e piano convenzionale (oltre che nell’orrido)… 

(via sprezzaturaeleganza)

    /
We haven’t seen yet what a truly bad government is capable of doing with modern information technology. What the good ones get up to is terrifying enough.

Our Comrade The Electron - Webstock Conference Talk

(via Bycicle Mind)

    /
OCTOPUS new free font family on Behance
Un’altra famigliola gratuita per dimostrare cosa è possibile fare con un font editor alternativo e in the browser come FontArk.

OCTOPUS new free font family on Behance

Un’altra famigliola gratuita per dimostrare cosa è possibile fare con un font editor alternativo e in the browser come FontArk.

    /
KIRVY Font Family on Behance

Famigliola completa di regular, bold, light e thin. Gratis. Che vuoi di più? Gli italics :))

KIRVY Font Family on Behance

Famigliola completa di regular, bold, light e thin. Gratis. Che vuoi di più? Gli italics :))

    /
L’ho già detto che mi piace, ma ancora non mi è passata: mi piace ancora di più! 
Che belle queste chiome orgogliosamente ingrifate!
Così diversa dall’immagine plasticosa della sorella.
Così fresca, schiettamente nera, bellezza vera. Di quelle che, aaagh!, ti prendono nella carne! 
Per dire, Beyoncé non mi dice niente, del tutto insapore.

Poi un giorno dovrò chiederlo a un bravo medico com’è sta cosa che certe cantanti mi trasformano in una belva lesbica…

;)

(via Solange Pictures (1 of 370) – Last.fm)

L’ho già detto che mi piace, ma ancora non mi è passata: mi piace ancora di più!
Che belle queste chiome orgogliosamente ingrifate!
Così diversa dall’immagine plasticosa della sorella.
Così fresca, schiettamente nera, bellezza vera. Di quelle che, aaagh!, ti prendono nella carne!
Per dire, Beyoncé non mi dice niente, del tutto insapore.

Poi un giorno dovrò chiederlo a un bravo medico com’è sta cosa che certe cantanti mi trasformano in una belva lesbica…

;)

(via Solange Pictures (1 of 370) – Last.fm)

    /
Get Comic Neue

Just LOL, ed è pure gratis.

Get Comic Neue

Just LOL, ed è pure gratis.

    /
Klartext Mono - Webfont & Desktop font « MyFonts
Bellooo! Ma come è stato che una come me, che sicuramente non passa le giornate in Sublime Text, ha sviluppato quest’attenzione quasi amore per i font monospaziati? Da quando scrivo in Markdown. È iniziato tutto col Nitti di iA Writer. Che lì sì, può capitare che non giornate intere ma qualche ora di fila sì, ce la passo.

Klartext Mono - Webfont & Desktop font « MyFonts

Bellooo!
Ma come è stato che una come me, che sicuramente non passa le giornate in Sublime Text, ha sviluppato quest’attenzione quasi amore per i font monospaziati?
Da quando scrivo in Markdown. È iniziato tutto col Nitti di iA Writer. Che lì sì, può capitare che non giornate intere ma qualche ora di fila sì, ce la passo.

    /
È da una settimana, il 24 marzo, che si celebrano gli 80 anni di Mimmo Jodice. 
Che posso aggiungere io, su una tale figura?

Che è in assoluto uno degli uomini più belli, a 80 anni suonati, che io abbia mai visto.

È da una settimana, il 24 marzo, che si celebrano gli 80 anni di Mimmo Jodice.
Che posso aggiungere io, su una tale figura?

Che è in assoluto uno degli uomini più belli, a 80 anni suonati, che io abbia mai visto.

    /

Ma brava la sorellina di Beyoncée, chi l’avrebbe mai detto

(Fonte: Spotify)

    /

(Fonte: isabellaparota, via sprezzaturaeleganza)

    /


pagina 1 di 164, puoi navigare da tastiera con ← e →